Archivio Opere - Sala IX

Sala dei marmi mischi
Sculture e arti decorative del Sei-Settecento
 
Trovano qui posto esemplari scultorei di epoca barocca tra cui un pannello a commesso marmoreo policromo del terzo quarto del XVII secolo che mostra la peculiare produzione palermitana cosiddetta dei marmi “mischi”. Essi sono definiti tali quando mantengono una conformazione bidimensionale ad intarsio, mentre nel momento in cui assumono valori plastici sempre più esuberanti e naturalistici vengono chiamati a “tramischio”, come nel frammento di balaustra (ultimo quarto del XVII secolo). È esposta, inoltre, solo una piccola parte della collezione di mattoni di censo maiolicati di monsignor Lagumina, un tempo conservate nel vecchio Museo Nazionale di Palermo e parte visibile all’ingresso del Tesoro della Cattedrale. Le mattonelle sono uno straordinario esempio dell’attività dei maiolicari palermitani che le usavano per individuare i toponimi, i numeri civici e le proprietà degli edifici sulle cui facciate erano apposte.

© Riproduzione riservata

SoggettoAutorePosizionePeriodoMateria

← Torna al catalogo delle opere